“Yorkshire” Old Charges (1600 – 1810)

(1 recensione del cliente)

33.00

Autori: Autori diversi
Lingua: Bilingue Inglese-Italiano
(testo a fronte)
Capo redattore: Giovanni Dellavedova
P.V.P.: 33€
ISBN: 978-88-941-1089-0
Rilegatura: Brossura
Formato: 15,3 x 22,5 cm
Pagine: 482

COD: 9788894110890 Categoria:
Descrizione

Si definiscono Old Charges, Antichi Doveri, oppure Constitutions of Masonry o anche – per l’antichità dei primi documenti noti – Gothik Constitutions, circa cento documenti, quasi tutti manoscritti – su pergamena o carta ma anche su libri-verbali di operative lodges e destinati all’uso interno di una di esse – contenenti essenzialmente la tradizionale Storia (leggendaria) dell’Arte e i Doveri veri e propri.
Il presente volume offre al Lettore interessato una significativa selezione del tradizionale patrimonio leggendario della operative Masonry sei-settecentesca inglese. Un repertorio straordinario, assolutamente originale e unico, nel suo genere, non solo nel panorama delle altre Muratorie europee, ma in quello di qualsiasi altra Arte o Mestiere o Professione del Vecchio Continente.
I documenti presentati sono 23 sul centinaio oggi noto, tutti o quasi assai simili tra loro anche se non ne esistono due identici. L’arco temporale coperto dalla presente Raccolta va dal 1600 circa al 1810, ma la presenza del W. Watson MS (1687) sposta l’inizio dell’arco suddetto almeno fino al 1471: se si considera che il più antico documento oggi noto risale al 1390, ne risulta un panorama assai significativo.
Gli argomenti trattati in quest’opera sono complessi e riguardano diverse discipline, dalla Storia vera e propria alla Storia del Costume, passando per la Storia delle Guilds inglesi medievali. Il meticoloso e appassionato lavoro di ricerca ha permesso di arricchire il testo con citazioni originali e puntuali, che non lasciano nulla di non documentato se non le personali opinioni del curatore.

Indice

Introduzione agli “Yorkshire” Old Charges

1. Manoscritto York n. 1
2. Manoscritto Hope
3. Manoscritto Buchanan
4. Manoscritto York n. 5
5. Manoscritto Scarborough
6. Manoscritto Stanley
7. Manoscritto Bain
8. Manoscritto Thos. W. Embleton
9. Manoscritto William Watson
10. Manoscritto Beaumont
11. Manoscritto Taylor
12. Manoscritto Waistell
13. Manoscritto York n. 4
14. Manoscritto Clapham
15. Manoscritto Boyden
16. Manoscritto York n. 2
17. Manoscritto Probity
18. Manoscritto Macnab
19. Manoscritto Hughan
20. Manoscritto York n. 6
21. Manoscritto Tew
22. Manoscritto Levander-York
23. Manoscritto Krause

Additional Information
Peso0.620 kg
Dimensioni15.3 × 4 × 22.5 cm
Recensioni (1)

1 recensione per “Yorkshire” Old Charges (1600 – 1810)

  1. Rodrigo Boggero

    Lo trovo un lavoro monumentale e squisitamente condotto.
    Commovente per quanto limpido, esaustivo, completo.
    Mi spiace soltanto che il nome di Alberto Rossi non appaia né in copertina né sul frontespizio, ma relegato a piè di pagina e semi-invisibile.
    Non so chi egli sia, ma, per il lavoro svolto (introduzione, traduzione e note) e per la qualità impeccabile dello stesso, meritava davvero un maggior riconoscimento.
    Anche qui, in questa scheda del vostro sito, compare un laconico “autori diversi”. Benché nel testo non abbia trovato traccia di altri autori che il su menzionato Alberto Rossi.
    Mi rattrista, perché davvero sono grato a questo studioso tanto generoso e meticoloso.
    Cui spero vogliate portare almeno i miei più sinceri e grati complimenti.
    Ossequi,
    Rodrigo Boggero

    • acpardes_admin

      Ringraziamo il nostro lettore per l’elogiativa recensione al volume “Yorkshire” Old Charges pubblicato da A. C. Pardes e non mancheremo di trasmettere i suoi apprezzamenti al nostro collaboratore Alberto Rossi.
      A. C. Pardes è grata ad Alberto Rossi per l’approfondito e sapiente lavoro condotto sugli Old Charges e gli altri suoi contributi, come del resto è riconoscente verso tutti i suoi collaboratori cui si devono altri formidabili studi pubblicati nella Collana “L’Eredità Massonica”, e che normalmente preferiscono, secondo i dettami tradizionali, lavorare nell’anonimato riuniti sotto il nome collettivo di Giovanni Dellavedova.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *